Mutando un precedente orientamento consolidato, la Corte di Cassazione ha ritenuto che l’instaurazione di una nuova famiglia di fatto, anche se non legalizzata, fa perdere alla donna il diritto all’assegno divorzile, non essendovi più alcun rapporto con il precedente coniuge e non potendosi più considerare il tenore di vita goduto durante il precedente matrimonio.

Una interessantissima questione che sta divenendo di estrema frequenza a fronte dei matrimoni misti tra donne italiane e uomini stranieri, è stata affrontata dalla Cassazione che ha censurato il comportamento del Tribunale dei Minori che aveva inspiegabilmente autorizzato il rimpatrio di una bambina negli U.S.A. con il padre, sottraendola alla madre in Italia, senza valutazione alcuna sulla idoneità del richiedente con precedenti per droga, alcolismo e stati di detenzione.

Pubblicazioni Avv. Maurizio Bruno

  • 001.jpg
  • 002.jpg
  • 003.jpg
  • 004.jpg
  • 005.jpg
  • 006.jpg
  • 007.jpg
  • 008.jpg
  • 009.jpg
  • 010.jpg
  • 011.jpg
  • 012.jpg
  • 013.jpg

Abbiamo aggiornato la nostra Privacy e Cookie Policy. Se vuoi saperne di più, o se vuoi modificare il tuo consenso clicca su "Maggiori informazioni". Cliccando su "Accetto" all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito. Maggiori informazioni